La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove condividere la passione per cactus e succulente


Avonia quinaria - Scheda di coltivazione

 
   Indice forum -> Altre
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Gianna
Amministratore


Registrato: 01/04/09 09:12
Messaggi: 18175
Residenza: Reggio Emilia

Inviato: Dom 21 Feb 2021, 18:46   Oggetto: Avonia quinaria - Scheda di coltivazione
Gianna Dom 21 Feb 2021, 18:46
Rispondi citando

AVONIA QUINARIA e AVONIA QUINARIA SSP. ALSTONII


Famiglia: Portulacaceae

Sinonimi: Anacampseros alstonii, Anacampseros quinaria

Distribuzione: Namibia e Sud Africa


Avonia quinaria ssp. alstonii


Avonia quinaria



DESCRIZIONE

E’ una pianta bassa e perenne con un ampio caudex interrato o che emerge leggermente dal suolo. In habitat cresce in terreni desertici, sabbiosi, spesso nei campi di quarzo o nelle fenditure delle rocce. I suoi numerosi rametti che partono dalla parte superiore del caudex, sono costituiti da piccole scaglie di colore biancastro che nascondono al di sotto le foglie, questo per aiutare la pianta a sopportare le alte temperature estive di quelle zone. I fiori spettacolari che compaiono in primavera e in estate alla sommità dei piccoli gambi sono grandi dai 2/3 cm. e di colore bianco nella ssp. alstonii o fucsia nella quinaria, che restano aperti solo per qualche ora, rendendo quindi difficile l’impollinazione da parte degli insetti.
La pianta è autofertile e la sua crescita è molto lenta: impiegherà infatti anni per avere un caudex di qualche centimetro.

Avonia quinaria ssp. alstonii


Avonia quinaria



COLTIVAZIONE

E’ una piccola pianta spettacolare, desiderata da molti coltivatori.
Richiede un’esposizione in pieno sole o leggermente ombreggiata e un ambiente ben arieggiato; sopporta temperature minime di qualche grado, ma l’esposizione anche durante l’inverno dovrà essere luminosa. Mal sopporta invece l’umidità, quindi è consigliato coltivarla in un substrato ricco di inerti, anche al 100%, che richiederà qualche concimazione durante la stagione vegetativa (usare un fertilizzante per piante grasse). Fare molta attenzione con le innaffiature, che non dovranno essere troppo frequenti: ogni 2/3 settimane quando fa caldo e solo qualche spruzzata in primavera sulla composta e non sul caudex; la mancanza prolungata di irrigazioni può portare invece la pianta alla perdita di qualche gambo, per poi riprendere la crescita con l’apporto di acqua. Durante la stagione fredda le innaffiature andranno sospese.
In coltivazione si preferisce esporre il caudex: questo non solo per ragioni estetiche, ma anche per evitarne il marciume.








MOLTIPLICAZIONE

Si riproduce da seme, che sono piccolissimi, garantendo loro una temperatura superiore ai 20°C. e mantenendo la composta sempre umida per evitare che si secchino. Semina comunque abbastanza impegnativa, per via del rischio di marciume delle piccole plantule.

Piantina di qualche anno



PROBLEMI

E’ una pianta molto sensibile all’umidità, sia alle basse che alle alte temperature e bisogna sempre garantirle una buona ventilazione; durante il periodo invernale non deve essere innaffiata.
Se non si rispettano queste regole la pianta andrà incontro inevitabilmente al marciume del caudex.









Le immagini provengono dalla nostra Galleria


_________________
Gianna

Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.
Indice forum -> Altre Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file






Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it