La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove condividere la passione per cactus e succulente


Mammillarie .... problemi all'apice, che è?? Discutiamone
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
 
   Indice forum -> Mammillaria
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
D i e g o
Partecipante
Partecipante


Registrato: 20/05/10 17:46
Messaggi: 249
Residenza: Realmonte

Inviato: Mar 18 Giu 2019, 22:45   Oggetto:
D i e g o Mar 18 Giu 2019, 22:45
Rispondi citando

maurillio ha scritto:
Mi riservo di leggere tutto quanto pubblicato su fb appena possibile..... intanto volevo chiarire un paio di cose.....
Purtroppo non posso dire che l'uso di vari insetticidi abbia prodotto risultati.
C'è stato una progressiva diminuzione dei problemi lungo tutta la stagione vegetativa 2018 ma niente particolarmente riconducibili ai miei interventi...
Quest'anno le piante sembrano non aver più problemi, ma non ho ancora fatto nessun trattamento (l'ultimo risale a settembre 2018).
A proposito dell'insetto pungitore-succhiatore, vorrei far notare che i tessuti di alcune Mammillarie contengono latice e se lacerati, ne lasciano uscire in quantita', fino a inondare l'intero apice.
Non ho mai notato perdite di questo genere negli apici delle mie piante.
Io ho le piante in una casa in piena campagna e l'anno scorso le colture di grano sono state colpite da un particolare batterio. Può servire?

I tripidi sono di piccolissime dimensioni: 1-2 mm, pertanto con la loro attività trofica non provocano emissione di latice.
Non so quale fosse il problema del grano, ma non è responsabile quanto accaduto alle tue piante.
Maurillio vorrei conoscere l'epoca in cui si sono manifestati per la prima volta i sintomi sulle tue piante.

Top
Profilo Invia messaggio privato
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 66
Messaggi: 5687
Residenza: Modena

Inviato: Mer 19 Giu 2019, 8:20   Oggetto:
maurillio Mer 19 Giu 2019, 8:20
Rispondi citando

Decisamente in epoca vegetativa, diciamo primi di maggio. Apice che si infossa e poi necrotizza.
Alcune piante avevano manifestato gli stessi problemi anche l'anno precedente, e li avevo registrati nell'inverno 2017/2018.
Quanto successo quest'anno sulla geminispina era generalizzato a tutte le specie, soprattutto alle teste bianche. Con il risultato di provocare feroci deformazioni quando andava bene e collasso (marciume) successivo.
Dal momento in cui si palesava il primo segnale di attacco, questo l'anno scorso ha continuato costantemente a imperversare fino a fine stagione.
Ho perso tutte le schwartzii, tante hahniana, ma anche albata, albilanata etc.
Soprattutto se di piccole dimensioni. Nelle più sviluppate crescevano polloni al bordo della necrosi.
Il problema riguardave piante in serra, all'aperto, a nastro su ogni pianta.
Quest'anno alcune decine di apici hanno cominciato ad infossarsi poi senza miei interventi se non annaffiature dallalto su ogni pianta si sono per il momento ripresi.....
Negli ultimi tre anni ho ricevuto piante dalla Gran Bretagna, dall'Olanda, dal Belgio, dalla Germania, dall'Ucraina, e da alcuni collezionisti italiani, ma nessuna ha resistito al problema, cosiccome nessuna spedizione è risultata particolarmente colpita.
Ho parlato con ogni corrispondente, mandando report e foto, ma nessuno ha mai subito un attacco così massiccio e ben identificato, soltanto nelle conseguenze...



L'ultima modifica di maurillio il Mer 19 Giu 2019, 18:41, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pessimo
Amministratore


Registrato: 14/08/10 09:45
Età: 66
Messaggi: 8795
Residenza: Lucca

Inviato: Mer 19 Giu 2019, 9:00   Oggetto:
pessimo Mer 19 Giu 2019, 9:00
Rispondi citando

@Lakota
Grazie della risposta Marco, in realtà è Diego che mi ha chiarito la cosa, cioè dovremmo catturare degli insetti piccolissimi, i tripidi. Ho letto che sono difficili da vedere, che pungono e succhiano la vegetazione e possono quindi trasmettere virus da una pianta all’altra ... e sono praticamente attivi tutto l'anno, fuori nella bella stagione e in serra d'inverno ... brutta storia Dubbioso


_________________
La musica è per l'anima quello che la ginnastica è per il corpo (Platone)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Lakota
Prof
Prof


Registrato: 24/07/07 22:47
Età: 67
Messaggi: 2896
Residenza: Castellanza (Va)

Inviato: Mer 19 Giu 2019, 10:52   Oggetto:
Lakota Mer 19 Giu 2019, 10:52
Rispondi citando

Massimo brutta storia davvero se si tratta come sembrerebbe dei tripidi delle serre come piano piano sta emergendo dal topic su Cactipedia. Diego sta dando un gran contributo ma non solo lui

Ora mi sento di dire che non sono colpite solo le Mammillaria ma anche altre piante così come emerge da questo post su FB

https://www.facebook.com/groups/1196141083784290/


_________________
Marco Twisted Evil
http://cactipedia.info/
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
D i e g o
Partecipante
Partecipante


Registrato: 20/05/10 17:46
Messaggi: 249
Residenza: Realmonte

Inviato: Gio 20 Giu 2019, 11:40   Oggetto:
D i e g o Gio 20 Giu 2019, 11:40
Rispondi citando

Maurillio le innaffiature come le hai effettuate? C'era pressione nell'acqua?
Oltre ai Tripidi ho parlato in altra sede anche di acari, ma di specie diverse rispetto al ragnetto rosso.

Top
Profilo Invia messaggio privato
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 66
Messaggi: 5687
Residenza: Modena

Inviato: Gio 20 Giu 2019, 18:13   Oggetto:
maurillio Gio 20 Giu 2019, 18:13
Rispondi citando

Mi fa piacere che mi parli di annaffiature, perché c'è una cosa che faccio quest'anno e che non avevo mai fatto .
Per non macchiare le lanosità apicali, non ho mai annaffiato le piante dall'alto. Ho sempre preso in mano il vaso (3000 vasi per la precisione) e versato l'acqua direttamente sul terriccio.
In particolare le teste bianche e le biancolanose non hanno mai visto acqua dall'alto.
Quest'anno, tutte le annaffiature le ho fatte sempre singolarmente, ma bagnando bene l'apice, facendo cadere da una ventina di centimetri l'acqua da una bottiglia o da un tubo con pressione minima.
Annego o schiaccio qualcosa o qualcuno così facendo?

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pessimo
Amministratore


Registrato: 14/08/10 09:45
Età: 66
Messaggi: 8795
Residenza: Lucca

Inviato: Ven 21 Giu 2019, 7:34   Oggetto:
pessimo Ven 21 Giu 2019, 7:34
Rispondi citando

Aggiungo una breve esperienza, sperando possa essere utile alla discussione.
Oltre a bagnare quasi sempre dall'alto, oppure esporre le Mammillaria alla pioggia battente come faccio sempre in primavera, nei mesi caldi (luglio e agosto) lavo un paio di volte gli apici vegetativi nebulizzando Movento, uno ad uno curando bene di rimuovere la polvere e magari altri ospiti indesiderati.


_________________
La musica è per l'anima quello che la ginnastica è per il corpo (Platone)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Lakota
Prof
Prof


Registrato: 24/07/07 22:47
Età: 67
Messaggi: 2896
Residenza: Castellanza (Va)

Inviato: Sab 22 Giu 2019, 8:31   Oggetto:
Lakota Sab 22 Giu 2019, 8:31
Rispondi citando

Io bagno dall'alto almeno una volta ogni due con l'annaffiatoio specialmente quando aggiungo Neemazal o raramente Movento 48. e quando ho premura uso addirittura il tubo dell'acqua bagnando dall'alto. Gli Echinocereus invece sono all'aria aperta senza nessuna protezione e prendono tutta l'acqua che cade dal cielo. So che questo metodo disturba il ragnetto rosso che è avverso alle bagnature


_________________
Marco Twisted Evil
http://cactipedia.info/
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
D i e g o
Partecipante
Partecipante


Registrato: 20/05/10 17:46
Messaggi: 249
Residenza: Realmonte

Inviato: Sab 22 Giu 2019, 9:08   Oggetto:
D i e g o Sab 22 Giu 2019, 9:08
Rispondi citando

Come ho già scritto nel post di Marco su FB, potrebbe trattarsi anche di acari di piccolissime dimensioni e, come sapete, l'umidità è un fattore limitante la loro presenza. Il getto d'acqua potrebbe asportare anche i tripidi.
Per ovviare alle macchie, probabilmente dovute alla presenza eccessiva di calcare, si può utilizzare l'aceto nell'acqua di irrigazione o acidi blandi come l'acido citrico.



L'ultima modifica di D i e g o il Sab 22 Giu 2019, 9:17, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
D i e g o
Partecipante
Partecipante


Registrato: 20/05/10 17:46
Messaggi: 249
Residenza: Realmonte

Inviato: Sab 22 Giu 2019, 9:15   Oggetto:
D i e g o Sab 22 Giu 2019, 9:15
Rispondi citando

Le irrigazioni dall'alto aumentano l'umidità ambientale a livello dell'apice vegetativo e questo, a mio parere, dimostra che sono da escludere funghi e batteri, poiché, tranne rari casi, richiedono elevati livelli igrometrici, anche come microclima.

Top
Profilo Invia messaggio privato
pessimo
Amministratore


Registrato: 14/08/10 09:45
Età: 66
Messaggi: 8795
Residenza: Lucca

Inviato: Sab 22 Giu 2019, 11:36   Oggetto:
pessimo Sab 22 Giu 2019, 11:36
Rispondi citando

Per i trattamenti uso esclusivamente acqua piovana, fin che ne ho anche per le bagnature, altrimenti quella del pozzo, ferruginosa si, ma non molto dura, varia a seconda dei periodi.


_________________
La musica è per l'anima quello che la ginnastica è per il corpo (Platone)
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Lakota
Prof
Prof


Registrato: 24/07/07 22:47
Età: 67
Messaggi: 2896
Residenza: Castellanza (Va)

Inviato: Dom 23 Giu 2019, 9:16   Oggetto:
Lakota Dom 23 Giu 2019, 9:16
Rispondi citando

Vorrei anche aggiungere che quando bagno solitamente uso acqua acidulata PH 6,8 - 7. Per acidularla uso aceto bienco misurando il ph prima e dopo l'aggiunta in acqua. Chiedo...è possibile che l'uso di acqua acidula dia ulteriormente fastidio ai responsabili di questi attacchi??. PS: gli attacchi alle piante colpite si sono verificati durante l'inverno limitatamente al periodo Dicembre inizio Aprile, cioè quando ancora non era possibile bagnare


_________________
Marco Twisted Evil
http://cactipedia.info/
Non acquistiamo piante prelevate in natura
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
D i e g o
Partecipante
Partecipante


Registrato: 20/05/10 17:46
Messaggi: 249
Residenza: Realmonte

Inviato: Lun 24 Giu 2019, 17:09   Oggetto:
D i e g o Lun 24 Giu 2019, 17:09
Rispondi citando

Marco che temperature hai rilevato tra dicembre ed inizio aprile?

Top
Profilo Invia messaggio privato
Edus
Prof
Prof


Registrato: 07/04/10 11:16
Età: 57
Messaggi: 4299
Residenza: Potenza - 800 mslm

Inviato: Mar 25 Giu 2019, 6:51   Oggetto:
Edus Mar 25 Giu 2019, 6:51
Rispondi citando

Purtroppo anche le mie piante sono state colpite, per ora solo un paio e spero siano solo queste ...
Per quanto concerne le annaffiature non bagno mai la pianta dall'alto, tranne un paio di casi all'anno quando tratto con il rame.

  M. schiedeana
   
   
    M. prolifera
   


_________________
Eduardo
“Se non conosci il nome, muore anche la conoscenza delle cose.” Carl Nilsson Linnaeus
Top
Profilo Invia messaggio privato
D i e g o
Partecipante
Partecipante


Registrato: 20/05/10 17:46
Messaggi: 249
Residenza: Realmonte

Inviato: Mar 25 Giu 2019, 9:17   Oggetto:
D i e g o Mar 25 Giu 2019, 9:17
Rispondi citando

Eddie, se lo puoi fare, fammi un ingrandimento dell'apice della schiedeana ritratta nella prima foto. E comunque: passa all'irrigazione dall'alto.
Se non hai fatto trattamenti nei periodi precedenti e successivi (fino ad oggi) puoi piazzare le trappole cromotropiche azzurre, specifiche per i tripidi.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi
Indice forum -> Mammillaria Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Pagina 3 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file






Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it