La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove condividere la passione per cactus e succulente


Sedum sieboldii info variegatura

 
   Indice forum -> Crassulaceae
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Vicky Quaker
Partecipante
Partecipante


Registrato: 22/08/11 23:38
Età: 37
Messaggi: 383
Residenza: Senigallia (AN)

Inviato: Gio 13 Ott 2011, 20:32   Oggetto: Sedum sieboldii info variegatura
Vicky Quaker Gio 13 Ott 2011, 20:32
Rispondi citando

Buonasera a tutti,
ho da poco acquistato questa pianta un Sedum sieboldii variegatum. Cercando notizie sulla sua cura mi sono imbattuta in questa frase: "Trim off portions that aren't variegated to keep plant from reverting" in soldoni vorrebbe dire che per mantenerla variegata dovrei tagliare via le foglie che nascono verdi (non variegate).
Fonte: http://www.sedumphotos.net/v/sedum-s/Sedum+sieboldii+variegatum.jpg.html
Ma è una cosa con una base scientifica o un'inutile tortura? Ci sono altri metodi per mantenerla più variegata possibile? (che è anche la sua peculiarità e bellezza).
Essendo la variegatura determinata geneticamente, cosa ne determina la quantità?
Grazie anticipatamente!

 


_________________
Vicky
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Ferochepassione
Ospite





Inviato: Gio 03 Nov 2011, 22:31   Oggetto:
Ferochepassione Gio 03 Nov 2011, 22:31
Rispondi citando

Il problema della variegatura per quanto concerne le piante di cactus non sussiste in quanto generalmente (non sempre) si tratta di piante che presentano un solo tronco e ciò fa si che non sussistono tronchi supplementari non variegati.
Ho detto non sempre perchè ciò potrebbe non essere vero nel caso di variegatura su colonnari che ramificano.
Su questi ultimi cactus si pone lo stesso problema che tu hai posto per il Sedum.

Facciamo un passo indietro.

Se la variegatura è un difetto della pianta è normalissimo che la pianta tenta di porre rimedio al difetto generato o indotto per via artificiale.
Questo processo di autodifesa è dovuto al riconoscimento dei tessuti non conformi da parte della pianta.
Quando la pianta riconosce che parte di essa non corrisponde ai suoi caratteri specificia fa si che tenta di abortire quel ramo e fare in modo che il nutrimento vada dirottato su parti di pianta sane.
Va da se che a lungo andare la parte variegata subisce un arresto della crescita con relativa morte per disseccamento.
La piata a questo punto si è difesa ed è ritornata a riconoscere tutta se stessa.

Per ovviare a questo, per noi, problema non ci resta che recidere le parti di pianta sane in modo tale che la linfa spinta nei tessuti linfatici viene obbligata a nutrire la parte "malata".

Si tratta di una operazione contro natura ma essenziale per tenere la pianta nella condizione di variegatura.

Nei cactus che non presentano rami questo pseudo problema non ha motivo di esistere. La variegatura c'è e resta.

spero di aver chiarito.

Top
Vicky Quaker
Partecipante
Partecipante


Registrato: 22/08/11 23:38
Età: 37
Messaggi: 383
Residenza: Senigallia (AN)

Inviato: Ven 04 Nov 2011, 10:44   Oggetto:
Vicky Quaker Ven 04 Nov 2011, 10:44
Rispondi citando

Grazie mille hai proprio colto il mio interrogativo, sapevo dal tuo interessante articolo che eri l'unico che poteva rispondere Intesa ! Ora tocca solo decidere se lasciarla evolvere in pace o correggerla, al momento mi sta solo riempiendo di fiori! Vedremo in primavera... A buon rendere!


_________________
Vicky
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Giorgio
Amministratore


Registrato: 29/12/07 16:12
Messaggi: 5335
Residenza: Ostiglia MN

Inviato: Ven 04 Nov 2011, 17:27   Oggetto:
Giorgio Ven 04 Nov 2011, 17:27
Rispondi citando

Scusa se non ho risposto prima, ma proprio mi era sfuggito questo tuo topic.
Nella mia non ho tolto i rami normali ed ora stanno prendendo il soppravvento.
Io la riprodurrei per talea, la prossima primavera, selezionando i rami ch presentano una variegatura maggiore, in questo modo ti troverai con una pianta variegata ed una che tenderà al normale, ma sarà molto piuù fiorifera.


_________________
Ciao, Giorgio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Vicky Quaker
Partecipante
Partecipante


Registrato: 22/08/11 23:38
Età: 37
Messaggi: 383
Residenza: Senigallia (AN)

Inviato: Ven 04 Nov 2011, 17:35   Oggetto:
Vicky Quaker Ven 04 Nov 2011, 17:35
Rispondi citando

Grazie anche questa di fare una nuova pianta con le talee variegate è buona! Certo mi sa che a lungo andare è una lotta persa in partenza...contro la natura!


_________________
Vicky
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Giorgio
Amministratore


Registrato: 29/12/07 16:12
Messaggi: 5335
Residenza: Ostiglia MN

Inviato: Ven 04 Nov 2011, 17:38   Oggetto:
Giorgio Ven 04 Nov 2011, 17:38
Rispondi citando

Naturalmente la parte verde, più vigorosa, tenderà sempre a svilupparsi maggiormente, per questo bisogna insistere nel selezionare le parti che interessano.


_________________
Ciao, Giorgio
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi
Indice forum -> Crassulaceae Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file






Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it