La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove condividere la passione per cactus e succulente


Etimologia dei generi

 
   Indice forum -> Scuola
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
cactus
Amministratore


Registrato: 23/12/05 08:53
Messaggi: 17156

Inviato: Mer 13 Ott 2010, 19:40   Oggetto: Etimologia dei generi
cactus Mer 13 Ott 2010, 19:40
Rispondi citando

<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/acanthocalycium/aurantiacum.jpg&w=75&h=75" class="miniw"></img>
Acanthocalycium
Dal greco ákantha spina e cályx, calice, perché le scaglie sul tubo florale e sull’ovario sono modificate in spine.


<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/adromischus/maculatus.jpg&w=75&h=75" class="miniw"></img>
Adromischus
Dal Greco hadros robusto e miscos gambo


<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/aeonium/arboreum_v_atropurpureum.jpg&w=75&h=75" class="miniw"></img>
Aeonium
Dal greco aionius: ovvero immortale, <b>sempreverde</b>.


<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/agave/durangensis.jpg&w=75&h=75" class="miniw"></img>
Agave
Dal greco agauòs <b>magnifico</b>.


<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/aloe/variegata.jpg&w=75&h=75" class="miniw"></img>
Aloe
Dall'arabo alloch, nome della pianta; in ebraico halat = amaro.


<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/aporocactus/mallisonii.jpg&w=75&h=75" class="miniw"></img>
Aporocactus
Dal greco àporos impenetrabile, probabilmente per l’impenetrabile groviglio, che formano i lunghi fusti strisciando al suolo.


Arequipa
Prende il nome da Arequipa, capoluogo del dipartimento omonimo del Perù meridionale, nei cui pressi fu trovata.

Arrojadoa
Il nome le fu dato per onorare il dottor Michel Arrojado che compì molte esplorazioni nelle zone aride e semiaride del Brasile.

<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/astrophytum/myriostigma.jpg&w=75&h=75" class="miniw">
Astrophytum
Dal greco astron stella e phyton pianta per le costolature poste a forma di stella in quasi tutte le specie.


<img src="http://www.cactofili.org/img.aspx?src=/images/thumbs/specie/aztekium/ritteri.jpg&w=75&h=75" class="miniw">
Aztekium
Genere creato da Boedeker nel 1929 e prende il nome dagli Aztechi, la popolazione che in epoca precolombiana formava il grande impero, conquistato e distrutto dagli spagnoli di Hernàn Cortés.

Browningia
Dato da Britton & Rose in onore di W.E. Browning, direttore dell’istituto inglese di Santiago del Cile.

Carnegiea
Dato da Britton & Rose (1908) e dedicato ad Andrew Carnegie, industriale e filantropo a cui si deve la Fondazione Carnegie (Centro per le ricerche sul deserto, a Tucson in Arizona).

Cereus
Dal latino Cereus cero, per la forma e il portamento del fusto eretto e colonnare.

Cephalocereus
Dal greco kephalé testa perché in questo genere il cefalio o pseudocefalio è notevolmente ingrossato e lanoso.

Cephalocleistocactus
Ritter creò il genere derivando il nome dal greco kephalé testa kleistòs chiuso perché quasi simile al Cleistocactus, i cui i fiori non si schiudono interamente.

Cereus
Dal greco cheròs cera divenuto in latino Cereus, con il significato di “torcia di cera”…., per la forma e il portamento del fusto, eretto e colonnare.

Chamaecereus
Dal greco chamaì: in terra, alludendo al suo portamento prostrato.

Cleistocactus
Dal greco kleistòs chiuso, perché i fiori schiudono scarsamente la corolla.

Cochemiea
Il nome proviene dal nome di una tribù amerindiana che viveva nella penisola della Bassa California.

Coryphantha
Dal greco koryphé sommità e antro fiore in quanto i fiori di queste piante nascono all’apice di queste piante.

Discocactus
Il nome fu istituito da Pfeiffer nel 1837 e deriva da greco diskos discoper la forma rotonda e notevolmente appiattita delle specie.

Dioscorea
Dal nome del medico greco del I secolo d.C. Dioscoride.

Dolichothele
Dal greco dolikós lungo e thelé capezzolo per la forma dei lunghi tubercoli.

Echinocactus
Dal greco echínos porcospino, a causa delle numerose e forti spine addensate sulle areole.

Echinocereus
Dal greco echino: <b>riccio</b> e Cereus, genere da cui fu scisso.

Echinofossulocactus
Dal greco echínos porcospino unito al latino fossula piccola fossa indica una qualità omogenea del genere, le cui piante hanno numerosissime costolature divise da solchi profondi e sottili. Creato da G. Lawrence nel 1841, Shumann ne fece un sottogenere di Echinocactus con il nome di Stenocactus, che Berger elevò a genere (talvolta è conosciuto come tale), benché la legge di priorità abbia ristabilito il vecchio nome.

Echinopsis
Dal greco echínos porcospino unito a òpsis apparenza per la forma globulare e l’aspetto spinoso che danno l’idea di un riccio raccolto su se stesso.

Encephalocarpus
Dal greco en, in, kephalé testa e karpós frutti.

Epiphyllum
Dal greco epi sopra e phyllon foglia, a causa dei fiori che nascono sui fusti appiattiti simili a foglie.

Euphorbia
Il nome pare abbia a che fare con la medicina antica. Esso deriva dal medico greco Euphorbus, che utilizzava il lattice di alcune specie, vissuto alla corte di un re di Numidia e Mauritania nel I secolo a.C.

Ferocactus
Dal latino ferus feroce per le sue terribili spine feroci.

Gymnocalycium
Dal greco ghymnós nudo, spoglio e dal latino calyx calice l'epiteto, creato da Pfeiffer nel 1845, si riferisce alla "nudità" (assenza, cioè, di spine, peli o setole) del ricettacolo dei fiori di queste piante.

Huernia
In onore di Justus Heurnius (1587 - 1652), missionario e primo collezionista europeo di piante di Capo di Buona

Lithops
Dal greco lithos pietra con la desinenza ops aspetto per indicare la somiglianza di queste piante con piccole pietre ; infatti sono chiamate “pietre viventi”.

Lobivia
Il nome è formato dall’anagramma di Bolivia, dove furono originariamente trovate alcune specie.

Lophophora
Dal greco lòphos: cresta e phoréo porto, si riferisce alle areole inermi ma molto lanose e rilevate.

Mammillaria
Dal latino mammilla: mammella, perché tutte le specie posseggono tubercoli, talvolta anche molto in rilievo.

Notocactus
Dal greco nòtos meridionale, forse perché tutto il genere è originario del Sud-America.

Opuntia
Dal greco Opus: Opunte, antichissima città della Grecia, capitale della Locride.
Da essa prese il nome Opuntia, usato già da Plinio per indicare una pianta spinosa non identificata che vi cresceva, che certo non era l’attuale genere in quanto,essendo americano era sconosciuto a quell’epoca. Il nome comune “fico d’india”, dovrebbe in realtà riferirsi soltanto a Opuntia ficus indica.

Pachypodium
dal greco pachys grosso e podos piede, in riferimento alla forma grossa e tozza del tronco di queste piante.

Pseudolithos
Dal greco pseudo false Lithos pietra,riferendosi alla comparsa dei fusti.

Rhipsalidopsis
Dal greco opsis aspetto unito a quello del genere Rhipsalis, a causa dell’affinità dei due generi.

Rhipsalis
Dal greco rhips giunco o “ lavoro in giunchi”, a causa dei suoi rami sottili che si intrecciano crescendo.

Soehrensia
il nome ricorda J. Soehrens, collezionista di cactus nel Sud-America.

Strombocactus
Dal greco strómbos trottola, fuso, pigna a causa della disposizione dei tubercoli sul corpo della pianta.
Il genere venne creato da Britton & Rose nel 1922.

Trichocereus
Dal greco thrichòs: pelo, a causa delle areole di queste succulente.

Zigocactus
Dal greco zygòs giogo , riferendosi al modo in cui gli articoli sono congiunti.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi
Indice forum -> Scuola Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file






Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it