La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove si condivide la passione per cactus e succulente


Mammillaria mania - Quasi un blog di studio e coltivazione
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 77, 78, 79
 
   Indice forum -> Mammillaria
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 69
Messaggi: 6550
Residenza: Modena

Inviato: Mer 17 Gen 2024, 14:12   Oggetto:
maurillio Mer 17 Gen 2024, 14:12
Rispondi citando

Sul numero 2 Vol.61 - Maggio 2021 del Journal, è apparso un articolo di Adam Vaughan da New Scientist.
New Scientist è un settimanale di divulgazione scientifica pubblicato in lingua inglese ed in tre differenti edizioni: inglese,statunitense e australiana.
L'articolo aveva titolo: le Mammillarie stridono!
Le registrazioni rivelano che le piante emettono strilli ultrasonici quando sono stressate. Anche se negli ultimi anni è stato rivelato che le piante sono in grado di vedere, sentire e annusare, di solito vengono ancora considerate silenziose.
Ma ora, per la prima volta, sono state registrate mentre emettevano suoni nell'aria quando stressate, cosa che secondo i ricercatori potrebbe aprire un nuovo campo in agricoltura di precisione, in cui gli agricoltori ascoltano i raccolti se affamati d'acqua.
Itzak Khait e i suoi colleghi dell'università di Tel Aviv hanno scoperto che le piante di pomodoro e tabacco emettono suoni a frequenze che gli esseri umani non possono percepire quando sono stressati dalla mancanza d'acqua e quando i loro steli vengono tagliati. I microfoni posizionati a 10cm dalle piante rilevano suoni nella gamma degli ultrasuoni 20-100kHz, che secondo il team gli insetti e alcuni mammiferi sarebbero in grado di percepire e a cui rispondere fino a cinque metri di distanza. Una falena potrebbe decidere di non deporre le uova su una pianta che sembra stressata dalla mancanza d'acqua, suggeriscono i ricercatori. Le piante potrebbero persino sentire che altre piante sono a corto d'acqua e reagire di conseguenza, ipotizzano. Questi risultati possono cambiare il modo in cui pensiamo il regno vegetale, che finora è stato considerato quasi silenzioso, scrivono nel loro studio.
In precedenza i dispositivi erano stati collegati alle piante per registrare le vibrazioni causate dalla formazione e dall'implosione delle bolle d'aria - un processo noto come cavitazione - all'interno dei tubi xilematici utilizzati per il trasporto dell'acqua. Ma questo nuovo studio misura a distanza, per la prima volta i suoni emessi.
In media le piante di pomodoro stressate dalla siccità emettevano 35 suoni all'ora, mentre le piante di tabacco, 11. Quando gli steli delle piante venivano tagliati, le piante di pomodoro emettevano una media di 25 suoni nell'ora successiva, mentre le piante di tabacco, 15. Le piante non stressate producevano meno di un suono all'ora, in media.
E' anche possibile distinguere i suoni per sapere qual'è il tipo di stress. I ricercatori hanno addestrato un modello di apprendimento automatico per discriminare tra i suoni delle piante il vento, la pioggia e altri rumori della serra, identificando correttamente nella maggior parte dei casi se lo stress era causato dalla secchezza o da un taglio, in base all'intensità e alla frequenza del suono. Ad esempio, il tabacco assetato d'acqua sembra emettere suoni più forti rispetto al tabacco tritato.
Sebbene Khait e i suoi colleghi abbiano esaminato solo piante di pomodoro e tabacco, credono che anche altre piante possano emettere suoni quando sono stressate. In uno studio preliminare, hanno anche registrato suoni ultrasonici provenienti da un cactus spinoso (Mammillaria spinosissima) e dall'ortica morta.
Consentire agli agricoltori di prestare attenzione alle piante soggette a stress idrico potrebbe aprire una nuova direzione nel campo dell'agricoltura di precisione, suggeriscono i ricercatori. Aggiungono che tale capacità sarà sempre più importante, perchè il cambiamento climatico espone sempre più aree alla siccità. L'ipotesi che i suoni prodotti dalle piante stressate dalla siccità possano essere usati nell'agricoltura di precisione sembra fattibile se non è troppo costoso impostare la registrazione in una situazione sul campo, afferma Anne Visscher dei Royal Botanic Gardens di Kew - U.K.
Lei avverte che i risultati non possono ancora essere estesi ad altri stress, come il sale o la temperatura, perchè questi potrebbero non portare all'emissione di suoni. Inoltre non sono stati condotti esperimenti per dimostrare se le falene o qualsiasi altro animale possano sentire o rispondere ai suoni emessi dalle piante.

REFERENCE
bioRxiv, DOI: 10.1101/507590

  Mammillaria spinosissima

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 69
Messaggi: 6550
Residenza: Modena

Inviato: Dom 11 Feb 2024, 13:44   Oggetto:
maurillio Dom 11 Feb 2024, 13:44
Rispondi citando

Multiple flowers per areole by Mike Stansbie
La caratteristica cardine di tutti i membri delle Cactacee è l'areola. Questa ha un aspetto variabile trai generi della famiglia, ma essenzialmente consiste in un mazzo di spine e una gemma (o raramente più) ed è considerata una forma molto condensata e modificata di ciò che riconosciamo come un ramo in "piante da fiore convenzionali". E' dalla componente gemma dell'areola che nascono i rami ed i fiori. La presenza abituale di una sola gemma per areola significa che una singola areola produce un solo fiore o ramo. Tuttavia in alcune specie, in particolare Weingartia neocumingii, Myrtillocactus sp. alcune Rhipsalis sp., e più raramente Eryosice (in the old sense), è da tempo riconosciuto che da alcune areole può svilupparsi più di un fiore.
In oltre sessant'anni di collezionismo personalmente ho osservato questo fenomeno soltanto in Weingartia neocumingii e Rypsalis, fino a Maggio 2023, quando l'ho notato su una piantina di Mammillaria standleyi che stava fiorendo per la prima volta. Non mi risulta che ciò sia stato notato in precedenza.
"The Journal of the Mammillaria Society" N. 1 Febbraio 2024

  Mammillaria standleyi ROG 656 from Mammillaria Society sedds sown in 2009

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 69
Messaggi: 6550
Residenza: Modena

Inviato: Dom 11 Feb 2024, 13:49   Oggetto:
maurillio Dom 11 Feb 2024, 13:49
Rispondi citando

A me sta cosa è capitata due volte...
Una prima con Mammillaria longiflora ssp. stampferi...

  Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495
Topia - Durango - Mexico
Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495   Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495
Topia - Durango - Mexico
Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495   Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495
Topia - Durango - Mexico
Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495   Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495
Topia - Durango - Mexico
Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495   Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495
Topia - Durango - Mexico
Mammillaria longiflora ssp. stampferi SB 495

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 69
Messaggi: 6550
Residenza: Modena

Inviato: Dom 11 Feb 2024, 13:56   Oggetto:
maurillio Dom 11 Feb 2024, 13:56
Rispondi citando

..... ed una seconda con Mammillaria carnea

  Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina   Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina   Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina   Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina   Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina   Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina   Mammillaria carnea v. robustispina
Mammillaria carnea v. robustispina

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
maurillio
Amministratore


Registrato: 21/01/10 09:17
Età: 69
Messaggi: 6550
Residenza: Modena

Inviato: Lun 12 Feb 2024, 18:59   Oggetto:
maurillio Lun 12 Feb 2024, 18:59
Rispondi citando

Chemical Defenses in Cacti: Poisons
Piuttosto sorprendentemente, i cactus si affidano quasi esclusivamente alle spine come difesa, pochissimi usano i veleni. Ciò è in contrasto con molte altre piante grasse a stelo che sono estremamente tossiche; le euforbie, ad esempio, contengono lunghi laticiferi a forma di tubo che contengono una linfa bianca e lattiginosa così velenosa che anche solo maneggiare le piante in una serra richiede cautela. Molti cactus hanno alcaloidi che li rendono amari ma non tossici, molti dei quali sono descritti di seguito.
Lophophora williamsii (peyote) contiene alcaloidi abbastanza forti da rendere la pianta estremamente amara (o almeno così ho sentito dire), e di solito le persone non riescono a trattenerne molto per molto tempo. Le piante in natura sembrano certamente essere in condizioni originarie, con pochi segni di essere state mangiate da insetti o animali più grandi (diversi dagli esseri umani). Le piante non sembrano avere ghiandole speciali o altre strutture secretrici, quindi può darsi che alcune o tutte le cellule del parenchima del germoglio sintetizzino una piccola quantità e ciascuna cellula immagazzina la propria riserva all'interno del suo vacuolo centrale. La specie è studiata da Martin Terry presso la Texas State University di Sul Ross e i dettagli verranno pubblicati non appena saranno disponibili.
Il genere Mammillaria è suddiviso in più gruppi in base alla presenza e alla natura di una linfa bianca lattiginosa. Le mammillarie “acquose” non ne hanno, le mammillarie “lattee” sanguinano una densa linfa bianca quando vengono tagliate, e le mammillarie “semi-lattee” a volte producono una linfa torbida quando vengono tagliate, a volte non producono nulla. La linfa è stata chiamata lattice, come qualsiasi liquido bianco lattiginoso che trasuda dalle piante, anche se tecnicamente il termine “lattice” dovrebbe essere riservato solo alle secrezioni chimicamente definite che contengono gomma. Il lattice della Mammillaria viene prodotto in una rete di lunghi canali tubolari che attraversano i germogli e che sono particolarmente abbondanti in prossimità della superficie, penetrando anche attraverso la corteccia a palizzata fino in prossimità dell'ipoderma. I canali si formano mediante un processo in cui un lungo insieme di cellule prima si riempie di lattice e poi si rompe. In misura limitata, le cellule adiacenti al lume del canale vengono a loro volta stimolate a differenziarsi in cellule contenenti lattice che si distruggono, provocando così l'allargamento del canale. Questo processo è breve e i canali non diventano mai molto ampi, ma man mano che le piante diventano più alte, i canali reclutano nuove cellule giovani da convertire in cellule laticifere e quindi estendono il tubo nei tessuti appena formati. Il lattice di Mammillaria non è mai stato analizzato chimicamente, ma George Wittler scoprì che in alcune specie il lattice è sintetizzato nei plastidi, in altre è composto prevalentemente da materiale di parete alterato, cosa molto insolita.
James D. Mauseth, Section of Integrative Biology, The University of Texas, Austin, TX 78712
L'articolo ahimè è datato 2012 - Chissà quante ne sono successe nel frattempo.....

  Mammillaria bombycina sanguinante....

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi
Indice forum -> Mammillaria Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 77, 78, 79
Pagina 79 di 79

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it