La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove condividere la passione per cactus e succulente

fb
Seguici anche su
Facebook

Euphorbia decaryi e le altre: come riconoscerle

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice forum -> Euphorbiaceae
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
pessimo
Amministratore


Registrato: 14/08/10 09:45
Età: 64
Messaggi: 7664
Residenza: Lucca

Messaggio Inviato: Mer 12 Dic 2018, 11:15   Oggetto: Euphorbia decaryi e le altre: come riconoscerle
pessimo Mer 12 Dic 2018, 11:15
Rispondi citando

Prendendo spunto da questo topic http://forum.cactofili.org/viewtopic.php?p=444323 cerchiamo di conoscere meglio le caratteristiche di queste apprezzatissime euforbie endemiche del Madagascar, imparando così a distinguerle


Euphorbia decaryi var. decaryi
Fusti molto grossi/spessi (spessi anche un dito, i piu' spessi del gruppo) che ruotano progressivamente su se stessi; portamento strisciante con stoloni sotterranei; foglie piu' o meno larghe, carnose, in cui si intravede spesso il disegno delle venature. Con la crescita la foglia, ondulata all'inizio, si distende













Euphorbia decaryi var. spirosticha
Fusti molto sottili che si avvitano su se stessi (da cui il nome spirosticha); portamento strisciante con stoloni sotterranei; foglie molto carnose con ondulature molto evidenti, che rimangono tali anche con la crescita













Euphorbia ambovombensis
Portamento eretto con caudice sferico (a meno che non sia prodotta da talea); fusti sottili (simili alla spirosticha); foglie di solito larghe e aperte, non carnose, simili in forma alla decaryi decaryi, talvolta piu’ larghe











Euphorbia cap-saintemariensis
Portamento eretto (almeno in coltivazione), con fusto ingrossato ma senza caudice; rami sottili simili alla ambovombensis (ma piu' lisci); foglie non carnose e piu' strette della ambovombensis e coi margini piu' ondulati (ma molto meno della spirosticha)











Euphorbia suzannae-marnierae
Portamento eretto con caudice; fusti sottili simili alla cap-santemariensis/ambovombensis; foglie non carnose e sottili









Euphorbia waringiae
Simile in portamento alla suzannae-marnierae, ma con foglie molto piu' sottili e allungate, che la rendono facilmente identificabile







In conclusione:
E. decaryi se ha portamento strisciante con stoloni sotterranei e fusti spessi.
E. decaryi v. spirosticha se ha fusti sottili, foglie spesse e molto ondulate ai margini.
Se ha portamento eretto è più complicato, soprattutto se la pianta è una talea. Ci possiamo regolare così:
E. ambovombensis è quella che di solito ha foglie più larghe e meno ondulate e rami meno lisci.
E. cap-saintemariensis ha foglie di solito più strette e ondulate, e rami più lisci.


Qualche immagine proviene dalla nostra Galleria: qualcuno sicuramente riconoscerà le proprie piante


_________________
Ciò che facciamo in vita riecheggia nell’ eternità


L'ultima modifica di pessimo il Mer 12 Dic 2018, 15:51, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Gianna
Amministratore


Registrato: 01/04/09 09:12
Messaggi: 14029
Residenza: Reggio Emilia

Messaggio Inviato: Ven 14 Dic 2018, 13:20   Oggetto:
Gianna Ven 14 Dic 2018, 13:20
Rispondi citando

Invitiamo tutti gli amanti di queste specie a dare il loro contributo per arricchire queste informazioni
Grazie Sorriso


_________________
Gianna

Top
Profilo Invia messaggio privato
Gianni
Prof
Prof


Registrato: 28/03/13 17:03
Messaggi: 3787
Residenza: San Francisco, California

Messaggio Inviato: Ven 14 Dic 2018, 16:34   Oggetto:
Gianni Ven 14 Dic 2018, 16:34
Rispondi citando

Mi sono appena svegliato, sono ancora a letto, poi commento per bene quando arrivo al lavoro Intesa
Intanto dico: post bellissimo, immagini fantastiche! Come si puo' resistere al fascino di queste piante?. Very Happy
Grazie ancora ragazzi!

Top
Profilo Invia messaggio privato
Gianni
Prof
Prof


Registrato: 28/03/13 17:03
Messaggi: 3787
Residenza: San Francisco, California

Messaggio Inviato: Ven 14 Dic 2018, 18:38   Oggetto:
Gianni Ven 14 Dic 2018, 18:38
Rispondi citando

Come detto da Gianna, sono benvenute aggiunte, modifiche e correzioni alle descrizioni riportate sopra. In particolare se Beppe e Giorgio passassero di qui... Sorriso
Intanto io continuo a riguardarmi queste immagini... Sbav Sbav Sbav

Top
Profilo Invia messaggio privato
robertone
Prof
Prof


Registrato: 21/03/11 19:07
Messaggi: 6666
Residenza: Pisa

Messaggio Inviato: Ven 14 Dic 2018, 22:21   Oggetto:
robertone Ven 14 Dic 2018, 22:21
Rispondi citando

sono contento che sia stata utilizzata la mia spirostica ....... una presentazione degna del pessimo


_________________
Roberto; Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Giorgio
Amministratore


Registrato: 29/12/07 16:12
Messaggi: 5327
Residenza: Ostiglia MN

Messaggio Inviato: Sab 15 Dic 2018, 22:15   Oggetto:
Giorgio Sab 15 Dic 2018, 22:15
Rispondi citando

The plant list considera come nome valido Euphorbia decaryi var. cap-saintemariensis (Rauh) Cremers, sinonimi: Euphorbia cap-saintemariensis Rauh e Euphorbia decaryi var. cap-saintmariensis Rauh . Poi considera valido Euphorbia decaryi Guillaumin; non c'è nessuna traccia di E. d. var. spirostica, anche se questa varietà compare nel sito dell'IPNI, come pure nella lista rossa dell'IUCN, insieme ad E. d. var. decaryi.


Nella rivista Candollea pubblicata da "The Conservatory and Botanical Garden of the City of Geneva (CJBG)" nel 2016 Jean-Philippe Castillon and Jean-Bernard Castillon scrivono in un articolo su alcune euforbie del Madagascar (A propos de quelques noms oubliés dans le genre Euphorbia L. (Euphorbiaceae) à Madagascar), "Des erreurs dans l'interprétation de certains noms dans le genre Euphorbia L. (Euphorbiaceae) à Madagascar sont corrigées ici. Enfin, il est montré que Euphorbia francoisii Leandri est synonyme de Euphorbia decaryi Guillaumin, et que la plante connue actuellement sous le nom de Euphorbia decaryi doit en fait s'appeler Euphorbia boiteaui Leandri. Des nouvelles combinaisons sont proposées pour une partie des variétés décrites sous Euphorbia francoisii et Euphorbia decaryi. L'articolo intero a questo indirizzo https://dialnet.unirioja.es/revista/20108/V/71


_________________
Ciao, Giorgio
Top
Profilo Invia messaggio privato
cmr
Senior
Senior


Registrato: 17/04/15 09:43
Messaggi: 941
Residenza: Castelli Romani

Messaggio Inviato: Dom 16 Dic 2018, 10:56   Oggetto:
cmr Dom 16 Dic 2018, 10:56
Rispondi citando

Citazione:
Euphorbia decaryi Guillaumin (1934)
Euphorbia cap-saintemariensis Rauh (1970)
Euphorbia decaryi var. cap-saintemariensis Rauh (1971)-syn. E. decaryi
Euphorbia decaryi var. spirosticha Rauh and Buchloh (1987)-syn. E. decaryi
Gironzolando in rete si ricostruisce 'sta cosa qua: un anno dopo la prima descrizione, la cap-saintemariensis viene ridotta prima a varietà della decaryi e poi a sinonimo di decaryi; stessa sorte per la var. spirosticha.
La mappa presente in iucnredlist.org per E.decaryi comprende anche l'areale della cap-saintemariensis a conferma di queste scelte.
Cosi, tanto per darvi una mano a complicare le cose

Ho copiaincollato il mio intervento nell'altra discussione in quanto questa nuova mi era sfuggita.
Nel frattempo ho letto l'interessante articolo indicato da Giorgio che non fa altro che confermare, se mai ce ne fosse bisogno, che inscatolare con precisione assoluta delle entità per loro vocazione dall'aspetto variabile quali sono le piante, è un'opera improba. Se proprio devo fare un appunto all'articolo, osserverei che non tiene conto della pressione dell'ambiente (clima, orografia, meteo, ecc.) sulle piante, fattore molto pregnante in Madagascar: testimone, ad esempio, ne sono le molte nuove descrizioni di Aloe malgasce che, nella maggior pare dei casi, si somigliano variando tra loro di pochissimi caratteri. Piante simili che differiscono per una "ondulata" in più o in meno di foglia o per un fusticino che cresce spiralando, ascritte a specie differenti non hanno senso, ovvero, possono essere interessanti da un punto di vista puramente collezionistico ma botanicamente sono prive di senso.


_________________
"Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire." A. M.
Top
Profilo Invia messaggio privato
cmr
Senior
Senior


Registrato: 17/04/15 09:43
Messaggi: 941
Residenza: Castelli Romani

Messaggio Inviato: Dom 16 Dic 2018, 11:19   Oggetto:
cmr Dom 16 Dic 2018, 11:19
Rispondi citando

Ricordavo di avere 'sta foto da qualche parte: Copiapoa humilis forma spiralis! LOL LOL LOL
La parte superiore non è "spiralis" perche dopo averla acquistata l'ho coltivata come si deve! Esatto

 


_________________
"Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire." A. M.
Top
Profilo Invia messaggio privato
pseudanthium
Amatore
Amatore


Registrato: 03/10/18 09:52
Messaggi: 251
Residenza: Roma

Messaggio Inviato: Dom 16 Dic 2018, 17:12   Oggetto:
pseudanthium Dom 16 Dic 2018, 17:12
Rispondi citando

Ma questo interessante thread non parlava di "Euphorbia decaryi e le altre: come riconoscerle"?
Ok sapere quali sono oggi i nomi scientifici, ma se mi interessa una pianta (e mi interessa per il suo aspetto) e voglio riferirmi a quella pianta parlando con qualcuno ... mica devo giocare a Taboo !!!


_________________
Giovanni
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gianni
Prof
Prof


Registrato: 28/03/13 17:03
Messaggi: 3787
Residenza: San Francisco, California

Messaggio Inviato: Lun 17 Dic 2018, 5:54   Oggetto:
Gianni Lun 17 Dic 2018, 5:54
Rispondi citando

Sono d'accordo con Giovanni.
Queste piante sono oggettivamente diverse tra loro. Probabilmente ci saranno in giro ibridi e forme intermedie, ma le "forme tipiche" presentate sopra sono ben distinguibili tra loro. Dare loro un nome (idealmente un nome corretto) e' importante, fosse anche solo per potersi riferire a loro in maniera colloquiale qui sul forum.
L'esempio della Copiapoa humilis e' completamente off topic.

Top
Profilo Invia messaggio privato
cmr
Senior
Senior


Registrato: 17/04/15 09:43
Messaggi: 941
Residenza: Castelli Romani

Messaggio Inviato: Lun 17 Dic 2018, 16:46   Oggetto:
cmr Lun 17 Dic 2018, 16:46
Rispondi citando

Altre letture interessanti. Curioso il fatto che tutti coloro che le hanno scritte abbiano difficolta nell'asserire con assoluta certezza quali siano le differenze in grado di caratterizzare le varie specie in questione mentre noi qui le sappiamo riconoscere ad occhi chiusi Dubbioso

https://www.cites.org/sites/default/files/eng/cop/14/prop/E14-P29.pdf

https://www.researchgate.net/publication/221773889_Phylogenetics_and_the_evolution_of_major_structural_characters_in_the_giant_genus_Euphorbia_L_Euphorbiaceae/download

http://sciencepress.mnhn.fr/sites/default/files/articles/pdf/a2009n2a5.pdf


_________________
"Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. Ci ho messo una vita a farmele venire." A. M.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Gianni
Prof
Prof


Registrato: 28/03/13 17:03
Messaggi: 3787
Residenza: San Francisco, California

Messaggio Inviato: Lun 17 Dic 2018, 22:14   Oggetto:
Gianni Lun 17 Dic 2018, 22:14
Rispondi citando

Non capisco, dai links che hai citato, come tu sia arrivato alla conclusione che "tutti coloro che le hanno descritte abbiano difficolta nell'asserire con assoluta certezza quali siano le differenze in grado di caratterizzare le varie specie in questione".
Non ho esperienza di queste piante in natura, ma in coltivazione esistono forme tipiche facilmente riconoscibili. Il punto che si voleva fare in questo topic non era necessariamente trovare il nome giusto (anche se sarebbe meglio), ma spiegare le caratteristiche distintive di questo gruppo di piante. Cosi' invece di dire: "a me piacciono le E. decaryi che hanno forma strisciante, senza caudice, con foglie ondulate ma non troppo", dico: a me piacciono le E. decaryi v. decaryi (o quello che e' il nome corretto).
Ad esempio, se uno mi dicesse: la pianta descritta qui come "decaryi v. decaryi" e quella descritta come "ambovombensis" sono entrambe sottospecie di decaryi, io non avrei nulla da obiettare, potrebbe benissimo essere. Ma se tu mi dici che si fa fatica a distinguerle, allora posso solo consigliarti un buon oculista. Intesa

Top
Profilo Invia messaggio privato
Gianni
Prof
Prof


Registrato: 28/03/13 17:03
Messaggi: 3787
Residenza: San Francisco, California

Messaggio Inviato: Lun 17 Dic 2018, 22:34   Oggetto:
Gianni Lun 17 Dic 2018, 22:34
Rispondi citando

(a proposito di nomi corretti: grazie Giorgio! Sorriso )

Top
Profilo Invia messaggio privato
cactus
Amministratore


Registrato: 23/12/05 08:53
Messaggi: 14626

Messaggio Inviato: Ven 04 Gen 2019, 20:16   Oggetto:
cactus Ven 04 Gen 2019, 20:16
Rispondi citando

Unico appunto per me è decaryi v. decaryi. O la specie è un nodo, o un ramo.

La spirosticha è una varianza di decaryi, ma decaryi è una varianza di cosa? Di se stessa?
E credo che dire decaryi ssp. decaryi sia identico che parlare di v. decaryi. No? Rolling Eyes



L'ultima modifica di cactus il Ven 04 Gen 2019, 23:45, modificato 1 volta
Top
Profilo Invia messaggio privato
robertone
Prof
Prof


Registrato: 21/03/11 19:07
Messaggi: 6666
Residenza: Pisa

Messaggio Inviato: Ven 04 Gen 2019, 21:26   Oggetto:
robertone Ven 04 Gen 2019, 21:26
Rispondi citando

sono d'accordo Paolo con te


_________________
Roberto; Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie, ma bordello!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi
Indice forum -> Euphorbiaceae Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it