La nostra foto galleria cactofila
La top 100
Forum dove condividere la passione per cactus e succulente

fb
Seguici anche su
Facebook

Piantine appena arrivate
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice forum -> Identificazioni
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
cactus
Amministratore


Registrato: 23/12/05 08:53
Messaggi: 14184

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 17:14   Oggetto:
cactus Gio 08 Nov 2018, 17:14
Rispondi citando

Si ma io non vedo damsii

Top
Profilo Invia messaggio privato
Andreroe
Amatore
Amatore


Registrato: 22/06/18 15:41
Età: 39
Messaggi: 271
Residenza: Berlin

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 17:33   Oggetto:
Andreroe Gio 08 Nov 2018, 17:33
Rispondi citando

E allora cosa potrebbe essere, Cactus? Io più lo guardo più mi sembra lui Pensieroso

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
cactus
Amministratore


Registrato: 23/12/05 08:53
Messaggi: 14184

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 18:10   Oggetto:
cactus Gio 08 Nov 2018, 18:10
Rispondi citando

Per me sono tyre piante uguali e sono mihanovichii. Ma posso sbagliare, non sono praticissimo di Gymnocalycium. L'impressione che ho è quella.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Gianna
Amministratore


Registrato: 01/04/09 09:12
Messaggi: 13535
Residenza: Reggio Emilia

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 18:35   Oggetto:
Gianna Gio 08 Nov 2018, 18:35
Rispondi citando

Quello con le striature forse, anche se mi convince così così, gli altri due sono anisitsii o damsii, chiamali come vuoi. Mihanovichii o friedrichii o stenopleurum hanno le costolature più acute di questo, però. Strano comunque che abbiamo messo assieme piante diverse: di solito, messe in questo modo, si trovavano sul mercato dei Gymnocalycium eurypleurum. Sono comunque tre piante, non hanno la radice in comune


_________________
Gianna

Top
Profilo Invia messaggio privato
PNino
Partecipante
Partecipante


Registrato: 05/10/18 21:15
Messaggi: 53
Residenza: Roma

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 19:58   Oggetto:
PNino Gio 08 Nov 2018, 19:58
Rispondi citando

cactus ha scritto:
1. Ferocactus latispinus.
2. Per me è un mihanovichii.

1. grazie, il colore delle spine lo da il sole o la composta?
2. non mi azzardo a pronunciarmi, anche perche sfogliando la galleria mihanovichii non ho trovato 2 foto con soggetti uguali ( spettacolare quello bordo'!)

Gianna ha scritto:
Quello con le striature forse, anche se mi convince così così, gli altri due sono anisitsii o damsii, chiamali come vuoi. Mihanovichii o friedrichii o stenopleurum hanno le costolature più acute di questo, però. Strano comunque che abbiamo messo assieme piante diverse: di solito, messe in questo modo, si trovavano sul mercato dei Gymnocalycium eurypleurum. Sono comunque tre piante, non hanno la radice in comune

anche su questo avrei messo la mano sul fuoco fosse una sola piantina con un paio di pups quando l'ho svasato, comunque dalle spine avrei detto fossero la stessa varietà, e quello striato sembrava solo avesse patito la sete... aggiunto alla lista di quelli a cui faro' il bagno per 2 ore in primavera per portarli a radice completamente nuda.

e speriamo fioriscano cosi' facilitano un pochettino le cose Smile , a proposito sono troppo piccoli per fiorire con la prossima bella stagione?


_________________
Nino
Top
Profilo Invia messaggio privato
Andreroe
Amatore
Amatore


Registrato: 22/06/18 15:41
Età: 39
Messaggi: 271
Residenza: Berlin

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 21:08   Oggetto:
Andreroe Gio 08 Nov 2018, 21:08
Rispondi citando

Con il sole il colore dell'epidermide può variare leggermente, ma non credo influisca sulle spine! Non li lasciare troppo esposti, meglio penombra luminosa o sole del mattino... io ne ho già bruciati un paio! Molto arrabbiato
...pero' credo che il colore dipenda anche dalla varietà, non penso che basti la tintarella per farli diventare cosi bordeaux Pensieroso

Per i fiori ci siano ottime speranze invece! I Gymnocalycium fioriscono piuttosto facilmente Esatto

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
PNino
Partecipante
Partecipante


Registrato: 05/10/18 21:15
Messaggi: 53
Residenza: Roma

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 21:23   Oggetto:
PNino Gio 08 Nov 2018, 21:23
Rispondi citando

Andreroe ha scritto:
Con il sole il colore dell'epidermide può variare leggermente, ma non credo influisca sulle spine! Non li lasciare troppo esposti, meglio penombra luminosa o sole del mattino... io ne ho già bruciati un paio! Molto arrabbiato
...pero' credo che il colore dipenda anche dalla varietà, non penso che basti la tintarella per farli diventare cosi bordeaux Pensieroso

Per i fiori ci siano ottime speranze invece! I Gymnocalycium fioriscono piuttosto facilmente Esatto

Grazie, sposto immediatamente in zona luminosa.
x il colore delle spine intendevo il Ferocactus.
Riguardo il mihacoso bordo' sisi stavo semplicemente ammirando la pianta ( aggiunta in lista della spesa se la trovo in una tonalità simile non innestata), sapevo che quel colore ( come il giallo e il rosso acceso) dipende dalla mancaza di clorofilla e non dal sole.
Ottimo, se passa l'inverno speriamo mi faccia la grazia allora Very Happy


_________________
Nino
Top
Profilo Invia messaggio privato
Andreroe
Amatore
Amatore


Registrato: 22/06/18 15:41
Età: 39
Messaggi: 271
Residenza: Berlin

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 22:27   Oggetto:
Andreroe Gio 08 Nov 2018, 22:27
Rispondi citando

PNino ha scritto:
x il colore delle spine intendevo il Ferocactus.

Mannaggia, non l'avevo assolutamente preso in considerazione!

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
pseudanthium
Collaboratore
Collaboratore


Registrato: 03/10/18 09:52
Messaggi: 103
Residenza: Roma

Messaggio Inviato: Gio 08 Nov 2018, 23:21   Oggetto:
pseudanthium Gio 08 Nov 2018, 23:21
Rispondi citando

La mancanza totale di clorofilla non permette a una pianta di vivere, se non innestata, ma il portainnesto deve essere in salute e abbastanza grande ed esposto, perché fotosintetizza solo lui. La mancanza in certe zone (variegatura) crea situazioni che possono avere equilibri più o meno stabili nello sviluppo della pianta. Altra cosa sono le piante che hanno la clorofilla ben distribuita ma che tende a spostarsi un po' più in profondità nell'epidermide (e questo anche in funzione della quantità di luce ricevuta), e allora noi non le vediamo verdi, ma potremmo dire che sotto uno strato colorato semitrasparente lo sono. Ora forse sono stato un po' semplicistico in questa esposizione, sono solo i concetti che mi sono costruito con un po' di esperienza e le conversazioni al riguardo con persone senz'altro più titolate e competenti di me.
Comunque per fare un esempio il Gymnocalycium in foto, che è variegato e non mostra parti verdi, deve avere clorofilla nelle parti più scure, perché anche se quando l'ho preso stentavo un po' a crederlo, vive beatamente sulle proprie radici Sorriso

 

Top
Profilo Invia messaggio privato
PNino
Partecipante
Partecipante


Registrato: 05/10/18 21:15
Messaggi: 53
Residenza: Roma

Messaggio Inviato: Ven 09 Nov 2018, 9:31   Oggetto:
PNino Ven 09 Nov 2018, 9:31
Rispondi citando

pseudanthium ha scritto:
La mancanza totale di clorofilla ...
Comunque per fare un esempio il Gymnocalycium in foto, che è variegato e non mostra parti verdi, deve avere clorofilla nelle parti più scure, perché anche se quando l'ho preso stentavo un po' a crederlo, vive beatamente sulle proprie radici Sorriso

Shocked Stupendo!!! Mi hai fatto venire voglia di farmi un giro sulla Laurentina per vedere se ne trovo uno cosi al vivaio.


_________________
Nino
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi
Indice forum -> Identificazioni Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
Non puoi allegare file
Puoi scaricare file


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it